quartieri d'Istanbul

Istanbul è una delle più grandi città del mondo e la più grande città turca, l’unica città al mondo che si trova in due continenti. Diversa, poliedrica ed eclettica, Istanbul è dove l’Oriente e l’Occidente si incontrano, un micro-cosmo, una miscela di idee, mentalità e influenze. Ecco una guida completa dei quartieri di Istanbul ad alcune delle principali aree della città.

Con oltre 15 milioni di abitanti e oltre 1.500 km², Istanbul è di gran lunga la città più grande d’Europa, dove ogni quartiere è caratterizzato dalla diversità dei suoi residenti, provenienti da diversi background e convinzioni culturali. Questa varietà ineguagliabile è la ragione per cui le aree di Istanbul sono così diverse e perché è assolutamente impossibile riassumere in poche parole Istanbul.

Se state organizzando un viaggio o una vacanza a Istanbul potrebbe esservi utile leggere anche la nostra guida sui Migliori quartieri dove dormire a Istanbul.

Cosa sapere sui diversi distretti di Istanbul

Istanbul è divisa in 39 distretti che comprendono più aree e quartieri. Ufficiosamente, oltre 20 milioni di persone vivono in questa città e la maggior parte dei distretti centrali sono estremamente affollati.

I quartieri di Istanbul sono inoltre estremamente diversi. Si va da quelli molto conservatori (quartiere Fatih, Üsküdar) a quelli molto liberali (Taksim, Galata).

Istanbul è una complessa aggregazione di idee, mentalità e ideologie politiche, motivo per cui non dovresti mai stereotipare nessuno in questa città eclettica. Oltre alle specificità culturali, i quartieri di Istanbul si trovano su diversi livelli e la maggior parte dei quartieri sono molto collinari.

Il Bosforo divide la città in un lato europeo e uno asiatico e il Corno d’oro divide ancora una volta la parte europea. È un ambiente incredibilmente complicato in tutti i sensi, ma se ami i viaggi culturali, Istanbul sicuramente ti incanterà.

Guida dei quartieri di Istanbul – Lato europeo

La città più grande della Turchia, e di gran lunga la più affollata – Istanbul è un mondo all’interno di un mondo, una vivace miscela di culture, cose da fare e luoghi da vedere. La maggior parte delle attrazioni turistiche e culturali di Istanbul si trovano sul lato europeo.

Distretto di Fatih – Le parti più storiche di Istanbul

Fatih è uno dei quartieri più antichi e visitati di Istanbul. Le tre parti principali di Fatih sono Sultanahmet, dove si trova una grande parte dei luoghi più famosi di Istanbul, Eminönü, dove è situato uno dei principali porti della città e il quartiere di Fatih stesso, un’area nota per essere più conservatrice e sede dell’Università di Istanbul. Fatih è un’ottima area per attività culturali e attrazioni turistiche ma forse non è la zona migliore per soggiornare a causa dell’enorme afflusso di turisti da tutto il mondo e dei prezzi molto più alti che in altre parti di Istanbul. Inoltre in questa zona la vita notturna è quasi inesistente.

Sultanahmet – L’area più visitata di Istanbul 

Sultanahmet, vero cuore storico di Istanbul, copre un’area di modeste dimensioni. Situato in cima a Sarayburnu, promontorio strategico bagnato dalle acque del Bosforo, questo quartiere, che ospita alcuni dei monumenti storici più preziosi della città, è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 1985. Per questo oggi Sultanahmet rappresenta la zona più turistica della città e il vero centro culturale del Paese. Ecco cosa vedere a Sultanahmet:

La Basilica di Santa Sofia (Hagia Sophia) – è una delle strutture simbolo di Istanbul e tra le strutture religiose più incredibili del mondo. Era una chiesa bizantina nella capitale dell’Impero romano d’Oriente. Fu costruita tre volte nel 306, 415 e 537 d. C. Dopo che gli Ottomani conquistarono la città di Costantinopoli nel 1453, la chiesa più grande che il mondo avesse mai visto fu trasformata in una moschea. Dal 1935 è stato un museo fino al 2020 quando è tornata ad essere una moschea.

La Moschea Blu, ufficialmente conosciuta come Sultanahmet Camii, è probabilmente la moschea più famosa di Istanbul. Fu costruita vicino a Hagia Sophia, tra il 1609 e il 1616, da Ahmed. Il suo interno è decorato con 20.000 piastrelle: bianche, verdi e blu. Sono le sue sorprendenti piastrelle blu brillante che li hanno regalato il nome di Moschea blu. Una delle moschee più belle della Turchia.

IPalazzo Topkapi  si trova proprio accanto alla Basilica di Santa Sofia e costituisce un altro straordinario pezzo di maestosità ottomana in architettura e stile. Comprende vari edifici, armerie, cortili, armadi per trofei, un harem e un balcone con vista sul Bosforo. Il palazzo di 700.000 mq fu costruito nel 1465 e servì come residenza reale dal 1478 fino al 1853. Successivamente, divenne residenza per ufficiali prima di essere trasformato in un museo nel 1924.

La splendida Cisterna Basilica (in turco Yerebatan Sarnici, “palazzo sommerso”), si trova in profondità, sotto Sultanahmet, e risale al VI  secolo. Costruito dall’imperatore romano Costantino e ampliato da Giustiniano, ha oltre 300 colonne.

Eminönü – una delle zone più trafficate di Istanbul 

Eminönü si trova sulla sponda meridionale del Corno d’Oro e ospita uno dei principali porti per traghetti. Il quartiere è uno dei luoghi più frequentati di tutta Istanbul. Piazza Eminonu, è la principale area di attrazione del quartiere, situata tra il Ponte di Galata e la Nuova Moschea (Yeni Camii). La fermata del tram e il molo dei traghetti si trovano accanto alla piazza, così come la Nuova Moschea e il Bazar Egiziano delle Spezie.

Porto dei traghetti:  tra le cose migliori da fare a Istanbul c’è sicuramente una crociera sul Bosforo. Le navi partono ogni ora dal porto di Eminönü e fanno un viaggio di andata e ritorno di 2 ore verso la parte asiatica. Il viaggio passa per diversi luoghi apparsi anche nel film di James Bond, in particolare il Kücüksu Palace e la Maiden’s Tower.

Bazaar delle Spezie: è uno dei più grandi bazar della città e un luogo imperdibile. Il mercato fu terminato nel 1665 e continua ad essere uno dei posti migliori per comprare spezie esotiche da tutto il mondo.

Museo Archeologico:  Situato a Eminönü, ai margini di Sultanahmet e vicino al Palazzo Topkapi, il Museo Archeologico di Istanbul presenta 3 distinti complessi, uno per il principale Museo Archeologico, uno per l’Arte Islamica e uno per l’Antico Oriente. È uno dei più grandi musei archeologici del mondo, con oltre 1 milione di oggetti tra cui un sarcofago ritenuto essere stato preparato per Alessandro Magno.

Quartiere Fatih

È il quartiere dietro Sultanahmet. Fa parte del vecchio nucleo di Istanbul e ospita molte moschee, strutture ottomane, architettura pittoresca e ristoranti. I ristoranti qui sono spesso piuttosto turistici e più cari che in altre parti di Istanbul. Anche l’Università di Istanbul si trova a Fatih.

Gran Bazar (in turco Kapalıçarşı) – tra le cose migliori da fare a Istanbul è sicuramente anche una visita all’enorme bazar della città. La costruzione iniziò nel 1455, ma l’attuale formato risale al 1730 circa. Ogni giorno sono migliaia i visitatori che vengono ad esplorare questo grande spazio di 41 strade coperte e di oltre 4000 negozi dove è possibile acquistare di tutto: gioielli, tappeti, oreficeria, tessuti…. Preparati a trascorrere un po’ di tempo dentro e a contrattare con i venditori che tendono ad iniziare con prezzi esorbitanti per poi abbassarli gradualmente.

Moschea Süleymaniye: completata nel 1558, la Moschea Süleymaniye è la seconda moschea più grande della città e uno dei principali luoghi da visitare a Istanbul. Costruito per ordine di Solimano il Magnifico, fu progettato da Mimar Sinan, uno dei più grandi architetti della storia dell’Impero Ottomano.

Distretto di Beyoglu – una delle zone più cool di Istanbul

Quartiere di Galata

quartieri d'Istanbul

Galata è uno dei più pittoreschi quartieri di Istanbul. Piccole strade costituiscono la maggior parte di questo antico quartiere che è meglio esplorare a piedi. L’area sembra molto europea, con un tocco di stile orientale trasmesso dai numerosi shisha bar e dalle tipiche case da tè turche.

Parte del più ampio distretto di Beyoğlu, Galata è chiaramente identificata dalla storica Torre di Galata, che si affaccia sulle vecchie strade di ciottoli e sugli edifici neoclassici. La torre in pietra alta 66 metri fu costruita nel 1348 durante l’epoca della colonizzazione genovese a Costantinopoli. L’ultimo piano offre un fantastico belvedere a 360 gradi con viste mozzafiato su Istanbul.

Karaköy – ottimo cibo e vita notturna 

Karaköy si trova sulla costa settentrionale del Corno d’oro e confina con Galata. È un’ottima area per sperimentare il cibo e la vita notturna della città, con innumerevoli ristoranti locali, bar e discoteche.

Visita la via Kilic Ali Pasa Mescidi Sokak. In questo piccolo vicolo, avrete l’imbarazzo della scelta in termini di luoghi di vita notturna.

Funivia di Tünel: partendo dalla sponda settentrionale del Corno d’Oro, la storica funicolare sotterranea di Tünel è un brillante mezzo di trasporto. Fu completato nel gennaio 1875, diventando così il secondo treno sotterraneo più antico del mondo, dietro la metropolitana di Londra. Oggi, il percorso lungo 573 m va dalla stazione di Karaköy alla stazione di Beyoglu.

Quartiere Taksim 

Piazza Taksim: la famosa piazza Taksim e l’adiacente Gezi Park sono luoghi storici che hanno fatto notizia in molte occasioni. L’area è uno dei principali snodi di trasporto e piena di hotel, negozi, ristoranti, bar e locali notturni.

Istiklal: L’Istiklal Caddesi è una delle principali vie dello shopping di Istanbul che si estende per oltre 3 km da Piazza Taksim alla Torre di Galata. Qui è possibile trovare qualsiasi cosa in qualsiasi momento. Ci sono anche innumerevoli luoghi dove mangiare e locali dove divertirsi nel labirinto di strade secondarie e i piccoli vicoli intorno a Istiklal.

Chiesa di Sant’Antonio da Padova:  la più grande cattedrale cattolica romana di Istanbul si trova nel centro di Istiklal e offre un contrasto formidabile con le numerose moschee che dominano la maggior parte dello skyline della città. La chiesa originale fu costruita nel 1725 dalla comunità italiana a Istanbul. Fu distrutto nel XIX secolo e sostituito con l’attuale edificio nel 1912.

Museo Pera: Il Museo Pera si trova in un ex hotel di lusso e vanta una collezione eclettica di dipinti, sculture e altri manufatti provenienti da ambienti molto diversi. È stato aperto come museo privato nel 2005 ed è ora una delle migliori istituzioni culturali in questa zona molto vivace.

Cihangir – quartiere alla moda, giovane e liberale 

Un’altra bella zona da visitare è il quartiere alla moda di Cihangir, situato tra Piazza Taksim e il Bosforo. Un hotspot per studenti e giovani professionisti, Cihangir ha ottimi bar, negozi e ristoranti.


Distretto di Besiktas – mix tra luoghi storici e torri moderne

Besiktas ospita numerosi edifici storici accanto ai grattacieli moderni. Non è un’area molto turistica ma merita una visita se avete tempo. È anche una buona zona in cui soggiornare a Istanbul grazie alla sua posizione comoda e alla sua grande accessibilità con i mezzi pubblici.

Istabul Naval Museum: il Museo navale di Istanbul è stato aperto nel 1897 e oggi espone oltre 20.000 articoli relativi alle navi.

Partite di calcio: i residenti di Istanbul sono pazzi del calcio. È quindi una grande esperienza assistere ad una partita mentre si è a Istanbul anche se non è un’esperienza di famiglia in Turchia. I fan possono diventare piuttosto fanatici. Le tre squadre principali della città sono BesiktasGalatasarayFenerbahce nella parte asiatica.

Palazzo Dolmabahce:  Lo splendido Palazzo Dolmabahce sul Bosforo fu costruito tra il 1843 e il 1858 e servì come principale centro amministrativo per i governi ottomani tra il 1856 e il 1887 e tra il 1909 e il 1922. Il palazzo vanta grandiose biblioteche, uffici, sale, gallerie d’arte, un harem e anche splendidi giardini.

The Market District:  vicino al Museo Navale troverai il bazar aperto di Besiktas. Non è così impressionante come il Grand Bazaar di Fatih, ma è ancora tra i luoghi imperdibili di Istanbul e molto meno turistico rispetto ai più noti mercati di Fatih.

Mausoleo del Barbarossa: Barbarossa è stato il pirata ed ammiraglio della flotta ottomana più famoso e più temuto e il suo sontuoso mausoleo raffigura il suo posto importante nella storia ottomana.

Cibo e vita notturna: Besiktas non è animato come Taksim ma ci sono ancora molti luoghi raccomandabili per i buongustai e i nottambuli.


Sisli – uno dei quartieri più esclusivi di Istanbul

Il distretto di Sisli  è spesso considerato l’area più esclusiva di Istanbul, ma offre molto di più rispetto agli hotel di lusso e ai centri commerciali di lusso. Se si vuole stare in grande comfort, lontano dalle orde di turisti, Sisli è una grande opzione. Ecco cosa vedere a Sisli:

Istanbul Cevanir: è il più grande centro commerciale in Europa con oltre 300 negozi che vendono marchi locali e internazionali. Il complesso ha anche molti ristoranti e 12 cinema.

Museo di Atatürk:  Mentre il mausoleo principale del “padre di tutti i turchi” si trova ad Ankara, Istanbul ha anche alcune istituzioni culturali e monumenti dedicati a Mustafa Kemal Atatürk. Questo piccolo museo spiega la vita e le opere del fondatore della Turchia e dovrebbe essere sicuramente incluso nel itinerario di Istanbul se si ha il tempo.

Palazzo Ihlamur:  Ihlamur  è una delle ex residenze imperiali ottomane e ora è un museo pubblico. Non così spettacolare come Topkapi o Dolmabahce, Ihlamur merita comunque una visita se ci si trova in zona.

Museo Militare di Istanbul: é stato fondato per commemorare 1.000 anni di storia militare turca nel 1936. È uno dei più grandi musei militari del mondo e un must assoluto per i fan della storia e delle attrezzature militari.

Moschea Teskvikiye:  questa moschea atipica fu completata nel 1854 e si distingue per la sua architettura neobarocca. Lo stile architettonico è stato importato dall’ Europa meridionale e mostra l’ammirazione degli ottomani per gli edifici europei.

Cattedrale dello Spirito Santo:  è una delle principali chiese cattoliche di Istanbul e incarna il diverso patrimonio di Istanbul. L’edificio barocco, progettato dall’architetto italiano-svizzero Giuseppe Fossati, fu completato nel 1846.

Quartieri di Istanbul – Lato asiatico

Raccomandiamo vivamente una visita al lato asiatico della città. Anche se non ci sono tante attrazioni e cose da vedere nella parte asiatica di Istanbul, le aree stanno assistendo a un rapido sviluppo unito alla presenza di alcuni quartieri molto autentici e tradizionali. In aggiunta a ciò, la scena culinaria e la vita notturna sul versante asiatico si sta rapidamente evolvendo e inizia a rivaleggiare con alcune delle aree più popolari in Europa.

Kadiköy, Moda e Bagdad Caddesi

Kadikoy è il centro nevralgico dell’Asia, è il Taksim anatolico. Anche se molto affollato è molto piacevole passeggiare per le strette vie del centro di questo vivace quartiere. Troverete un’atmosfera diversa da quella di Beyoglu o Sultanahmet. Una delle principali “attrazioni” è il mercato di Kadiköy. È uno dei più importanti della città e una buona occasione per scoprire i prodotti turchi. Non esitate a chiedere di assaggiare prima di acquistare.

Per scoprire l’area è anche possibile prendere il tram storico che va da Kadiköy a Moda.

Per gli amanti dello shooping è a Bagdat Caddesi dove si deve andare. Considerato come gli Champs-Élysées di Istanbul, questo viale lungo 6 chilometri ospita centri commerciali, negozi di lusso, caffè e catene di ristoranti internazionali.

Una bella passeggiata è quella sul lungomare di Caddebostan, dove troverete anche alcune piccole spiagge.


Distretto di Usküdar

Usküdar è conosciuto come un’area abbastanza conservatrice. Questa guida dei quartieri di Istanbul raccomanda una visita anche a questo quartiere per cogliere appieno le diversità culturali che rendono la Turchia così unica.

In questo distretto ci sono più di 180 moschee. La più grande e famosa è la Mihrimah Sultan, costruita dal famoso architetto Sinan, aperta nel 1548. Un’altra grande e bella moschea è quella di Yeni Valide costruita tra il 1708 e il 1710.

Un altro spettacolo imperdibile è il mercato del pesce di Usküdar. Al pari di Kadiköy Bazaar, mette in mostra il meglio della cucina turca in termini di specialità a base di pesce.

Foto di İbrahim Mücahit Yıldız da Pixabay
3 pensiero su “Guida ai quartieri di Istanbul: cosa vedere”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.