cosa-vedere-istanbul-moschea-blu

Ci sono città che devono essere visitate almeno una volta nella vita e Istanbul è senza dubbio una di queste. Situata su entrambi i lati del Bosforo, tra due mari (il Mar Nero e il Mar di Marmara) è una delle città più fotogeniche del mondo e luogo di incontro tra est e ovest, un ponte culturale tra Europa e Asia, con una storia emozionante e un presente pieno di vita e colore … Se sei uno di quei viaggiatori che amano luoghi autentici e diversi, ti innamorerai rapidamente dalla città più popolosa della Turchia. In questo post descriviamo le migliori cose da fare e vedere a Istanbul.

Cosa vedere a Istanbul in 2 o 3 giorni

1° Giorno: Esplorare la città vecchia, nota anche come Sultanahmet

Basilica di Santa Sofia

Inizia la tua avventura esplorando la maestosa Basilica di Santa Sofia, uno degli edifici che unisce meglio la complessa storia della città. Conosciuta anche come Hagia Sophia o Ayasofya, è probabilmente il simbolo principale di Istanbul.

Hagia Sophia è un capolavoro architettonico che unisce elementi dell’architettura bizantina e ottomana. Il suo interno è impressionante: ha quattro impressionanti minareti e una cupola di oltre 30 metri di diametro. La sua sala principale, decorata da enormi medaglioni e colonne monolitiche, colpisce ogni visitatore.


Moschea Blu

cosa-vedere-istanbul-moschea-blu

Istanbul è conosciuta come la città delle mille moschee. La più importante di queste è la Moschea Blu (Sultanahmed Camii), famosa per i suoi eleganti minareti e i suoi splendidi interni decorati con piastrelle blu.

La moschea fu costruita all’inizio del diciassettesimo secolo ed è uno degli edifici più impressionanti della città. L’interno della Moschea Blu è sorprendente con oltre 20 mila piastrelle blu nella sua cupola. Sono queste piastrelle, portate qui dall’antica città di Nicea, che hanno dato il nome alla moschea. Anche l’illuminazione è affascinante, poiché la moschea ha impressionanti lampadari e oltre 200 vetrate.


L’ippodromo e il suo obelisco

Accanto alle principali attrazioni della città c’è anche l’Ippodromo (o meglio dire ciò che ne rimane) costruito durante la gloriosa era dell’Impero Romano e poi ampliato dall’imperatore Costantino.

È una specie di museo a cielo aperto di antichità, in quanto ha monumenti delle più importanti culture antiche (egiziana, greca e romana).

Il più sorprendente di questi è l’obelisco egiziano che è stato portato a Istanbul dal tempio di Karnak e che con oltre 3.500 anni è il monumento più antico da vedere a Istanbul.

Qui c’è anche la Colonna di Costantino costruita dall’Imperatore Costantino VII e la Colonna Serpentina che proviene dal Tempio di Apollo a Delfi ed è il secondo monumento più antico da vedere a Istanbul (479 d.C.).

La fontana tedesca invece è il monumento meno antico di tutti, in quanto è stato un dono dalla Germania ricevuto nel 1895.


Palazzo Topkapi

palazzo-topkapi-istanbul

Il bellissimo Palazzo Topkapi è uno degli edifici più rappresentativi da vedere a Istanbul. Fu la residenza principale dei sultani dell’Impero ottomano e sede del suo governo dal 1465 al 1853 quando il Sultano Abdulmecid decise di spostare la sua residenza nel Palazzo Dolmabahçe, un palazzo di corte occidentale.

Il palazzo si trova tra il Corno d’oro e il Mar di Marmara e da esso si ha una splendida vista sul Bosforo. Ha più di 700.000 metri quadrati distribuiti in diversi edifici costruiti attorno a quattro cortili verdi. Esplora i suoi lussuosi saloni, i giardini affascinanti e ammira le preziose collezioni di gioielli, porcellane e manoscritti.


Moschea Nuova

nuova-moschea-istanbul

Attraversando il ponte di Galata, ci si trova davanti ad una delle moschee più belle della città, la Moschea Nuova di Istanbul. Il suo nome può trarre in inganno, poiché l’edificio ha più di 4 secoli: fu costruito tra il 1597 e il 1663. Con le sue magnifiche volte e i suoi due enormi minareti, la Moschea Nuova domina la vista del Corno d’oro. Ha belle vetrate che sono state costruite con oro, marmo e piastrelle.


Cisterna Basilica

basilica-cisterna-istanbul

A pochi metri dalla Basilica di Santa Sofia c’è uno dei luoghi più belli da vedere a Istanbul, la Cisterna Basilica (Yerebatan Sarnıcı ovvero il Palazzo sommerso). È una delle tante cisterne della città ed un magnifico pezzo di ingegnosità bizantina.

Fu costruita al tempo di Giustiniano I (527-565) per rifornire il palazzo bizantino di acqua nel caso in cui la città fosse attaccata. Precedentemente si visitava in barca, mentre oggi la visita viene effettuata attraverso passerelle sopra l’acqua.

La Cisterna Basilica ha 336 colonne di 9 metri di altezza, due delle quali posizionate su una testa di Medusa. Questo posto è apparso in diversi film tra cui l’Inferno, di Dan Brown.


Gran Bazar di Istanbul

gran-bazar-istanbul
Grand Bazar, Istanbul, Turchia – Foto da Depositphotos

Entrare attraverso una delle 22 porte del Grand Bazar (Kapalıçarşı) e perdersi nelle sue 64 strade e oltre 3.000 negozi è un’altra cosa essenziale da fare a Istanbul. Da oltre 500 anni, rimane ancora uno dei più grandi bazar coperti del mondo, con una superficie di 45.000 metri quadrati, ed è anche uno dei più antichi.

È il posto più adatto per comprare i souvenir perché nei suoi negozi c’è di tutto e a tutti i prezzi: tappeti, prodotti in pelle, in ceramica, souvenir e gioielli. La contrattazione è obbligatoria!

Apertura: aperto dal lunedì al sabato dalle 8:30 alle 19:00.


Chiesa di San Sergio e San Baco (La piccola Santa Sofia)

Uno dei gioielli meno conosciuti da vedere a Istanbul è la Chiesa di San Sergio e San Baco, una moschea che ha le sue origini in una chiesa ortodossa, convertita in un tempio musulmano durante l’impero ottomano.

Questo bellissimo edificio bizantino con una cupola centrale fu eretto nel VI secolo, ed è servito da modello per la costruzione di Santa Sofia, motivo per cui è conosciuta come la Piccola Santa Sofia, essendo uno dei migliori esempi di architettura bizantina a Istanbul.

La moschea si trova molto vicino all’ippodromo e al quartiere armeno. Il suo ingresso è gratuito, quindi ti consigliamo di visitarla.

Cosa vedere a Istanbul – 2° Giorno

Piazza Taksim e Istiklal Caddesi

Situata nella parte europea, nella zona più moderna di Istanbul, Piazza Taksim è uno dei centri nevralgici della città. Un luogo in cui si sono tenuti diversi eventi pubblici e manifestazioni politiche. In esso troverai molti hotel, negozi, bar e ristoranti, un luogo vibrante che insieme a Sultanahmet è uno dei più consigliati da visitare.

In questa piazza inizia una delle principali arterie commerciali da vedere a Istanbul, Istiklal Caddesi, una piacevole strada pedonale piena di negozi che si può percorrere a piedi o in un bellissimo tram.


Torre di Galata

quartieri d'Istanbul

Per godersi le migliori vedute della città la cosa migliore da fare a Istanbul è salire sulla Torre di Galata (Galata Kulesi in turco). È alta 61 metri e anche se non è gigantesca è una delle torri più antiche del mondo, costruita nel sesto secolo. Oltre ad essere un monumento storico, è un punto panoramico favoloso che offre viste spettacolari sul Corno d’oro e Sultanahmet con le sue moschee.


Ponte di Galata

Un altro dei punti mitici della città è il ponte di Galata (Galata Köprüsü), un ponte lungo 490 metri che attraversa il Corno d’oro e collega la vecchia Istanbul con la città più moderna. Molti lo considerano un ponte tra le culture ed è sempre pieno di pescatori che trascorrono la giornata lì a pescare.

Il primo ponte fu costruito a metà del diciannovesimo secolo e fu poi sostituito più volte fino ad arrivare all’attuale ponte nel 1992. Al piano inferiore del ponte si trovano ristoranti e caffetterie con terrazze dove è possibile mangiare piatti di pesce fresco o rilassarsi con un buon tè.


Palazzo Dolmabahçe

cosa-vedere-itsanbul-dolmabahce

Il palazzo Dolmabahçe, principalmente barocco e rococò, è un’altra delle gemme architettoniche della città. I sultani risiedevano in questo splendido palazzo tra il 1856 e il 1924. La sua facciata di 600 metri è una delle più decorate che abbiamo visto e con una superficie di 15.000 metri quadrati è l’edificio più grande di tutta la Turchia.

Ha stanze spettacolari che puoi visitare solo con una visita guidata (in inglese) e se non vai presto, ti aspetterà una fila molto lunga.

Cosa vedere a Istanbul – 3° Giorno

San Salvatore in Chora

Oltre a Santa Sofia, c’è un’altra chiesa che ospita impressionanti ricordi dell’arte bizantina, la chiesa di San Salvatore in Chora (Kariye Müzesi) costruita nel VI secolo. Situato vicino alla Porta di Adrianopoli, è uno degli edifici religiosi più incredibili che Istanbul ha da offrire.

Le pareti e i soffitti di questa chiesa sono adornati con magnifici mosaici bizantini e favolosi affreschi. Alcuni sono considerati i più importanti nel mondo cristiano. Come Santa Sofia, anche questa chiesa fu convertita in moschea dopo che i musulmani presero Costantinopoli. Dalla metà del secolo scorso invece è stata convertita in un museo.


La Moschea Suleymaniye

In cima ad una collina che domina l’intera città c’è una delle moschee più importanti e suggestive da vedere a Istanbul, la Moschea di Solimano.

Costruita nel 1550 su ordine del sultano Solimano il Magnifico, è la più grande e la più imponente moschea attiva in tutta Istanbul. Il complesso, di circa 70.000 m2, è arrivata a competere in termini di dimensioni e importanza con Santa Sofia.

Questo imponente edificio si trova a pochi passi dal Grand Bazaar nel terzo colle, e dal suo punto panoramico si può contemplare una magnifica vista sul Corno d’Oro.

Non dimenticate di visitare le tombe di Süleyman e Rosselana dietro il cimitero e la tomba dell’architetto Sinan al di fuori del complesso.


Museo archeologico di Istanbul

Il Museo Archeologico (Arkeoloji Müzesi) è spesso dimenticato ed è un peccato. È un vero gioiello di Istanbul, con una delle collezioni più ricche del mondo dell’antiquariato classico. All’interno, troviamo in particolare il Sarcofago di Alessandro Magno decorato con un bassorilievo che rappresenta molti momenti della sua vita.


Museo di Istanbul delle arti turche e islamiche

Il Museo delle Arti Turche e Islamiche è molto più eccitante di quanto suggerisce il suo nome. Ospitato nell’antico palazzo di Ibrahim Pasha (il Gran Visir di Solimano) e affacciato sull’Ippodromo di Costantinopoli, la sua collezione conta oltre 40.000 pezzi. Ogni pezzo si concentra su un diverso periodo o regione del mondo islamico, riflettendo anche la vita turca di tutti i giorni dall’8° al 19° secolo.


Bazar delle Spezie

Il Bazar delle Spezie, noto anche come Bazar Egiziano, è un affascinante mercato situato nel quartiere di Eminönü, nel cuore di Istanbul. Questo vibrante bazar è un luogo incantevole e pittoresco che affascina i visitatori con la sua vasta selezione di spezie, tè, dolci e oggetti artigianali. Da non perdere per chi desidera immergersi nell’atmosfera orientale della città.


Quartiere di Kadikoy

Attraversa il Bosforo tramite un traghetto e scopri Kadikoy. È un quartiere dinamico situato sulla sponda asiatica di Istanbul, dall’altra parte del Bosforo rispetto alla città vecchia. Questo vivace quartiere è una meta popolare sia tra i residenti locali che tra i visitatori.

L’atmosfera del quartiere è vivace e vibrante. Le strade sono piene di caffè, ristoranti, negozi alla moda e mercati affollati. Da non perdere il mercato di Kadikoy dove potrai acquistare prodotti freschi e assaggiare la cucina locale. Il quartiere è anche conosciuto per la sua vivace vita notturna. Troverai numerosi bar, pub e locali notturni che si animano dopo il tramonto.

Cosa fare a Istanbul

Una crociera sul Bosforo

Una delle attività più importanti da fare e vedere a Istanbul è la crociera sul Bosforo. Ci sono molte aziende che offrono questo tipo di attività e la maggior parte parte dal molo di Eminönü.

Durante questa crociera avrai la possibilità di contemplare da un’altra prospettiva alcuni degli edifici più importanti da vedere a Istanbul, come il Palazzo Topkapi o la Moschea Suleymaniye, oltre alla Torre Galata, al Palazzo Dolmabahçe, alla bellissima Moschea Ortaköy o alla fortezza Rumelihisarı, tra gli altri.


Vedere i tramonti di Istanbul

Oltre ai suoi monumenti, alla sua atmosfera e alla sua cultura, Istanbul è anche definita la città dei tramonti spettacolari. La città ha un’incredibile varietà di punti panoramici come la Torre di Galata o il Palazzo Topkapi o addirittura il quartiere Üsküdar, nella parte asiatica, da dove contemplare i magnifici tramonti.

Al tramonto è necessario solo mettersi in uno dei punti panoramici per vedere come il sole si nasconde dietro le colline della città mettendo in risalto la sagoma delle grandi moschee e dei loro minareti così caratteristici della città.


Visitare le Isole dei Principi

Le Isole dei Principi sono un gruppo di 9 isole (4 delle quali non abitate) che appartengono alla città di Istanbul. Si trovano nel Mar di Marmara.

Per arrivare alle Isole Principe, è necessario prendere un traghetto nel porto di Eminonu o Besiktas. La durata totale del viaggio è di circa 55 minuti. Le isole possono essere esplorate sia a piedi che in bicicletta o a cavallo. È una gita perfetta di un giorno.


Ti potrebbe interessare

Dove dormire a Istanbul: i migliori quartieri
Una guida sui quartieri di Istanbul: cosa vedere

3 pensiero su “Cosa fare e vedere a Istanbul in 2 o 3 giorni”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.